Sudafrica - Campione nella conservazione delle Biodiversità

Sudafrica il territorio30/07/2018

Le winelands sudafricane nascono su alcuni dei più antichi suoli del mondo, risalenti a circa 1 000 milioni di anni fa. La costante interazione tra questi antichi terreni, le altissime montagne, i pendii della valle e le brezze costiere si traducono in un ambiente naturale eccezionale per la sua biodiversità.
Le zone vitate si trovano nel Cape Floral Kingdom, uno dei sei regni vegetali del mondo, è il più piccolo e il più ricco, ospita oltre 9500 specie di piante, più di quelle che si trovano in tutto l'emisfero settentrionale, e solo nella Table Mountain ci sono più specie floreali di tutto il Regno Unito. Uno dei 36 punti caldi riconosciuti per la biodiversità: il 70% delle piante trovate qui non si trovano da nessun'altra parte sulla terra: il Cape Floral Kingdom è un sito del patrimonio mondiale.
Ci sono luoghi in cui sono state trovate più di 2 500 piante in una zolla di terreno di un metro quadrato (10,75 piedi quadrati) e 10 centimetri (4 pollici) in profondità. Molte specie si trovano in aree molto specifiche del sito e a volte si sviluppano solo in un singolo chilometro quadrato, questa enorme varietà di specie si è evoluta nel tempo adattandosi a terreni poveri di nutrienti e specifici microclimi.
Queste aree sono influenzate dai due oceani Atlantico e Indiano che creano condizioni marittime vantaggiose come la normale nebbia costiera e il raffreddamento delle brezze marine. La diversità dei suoli è accompagnata dalla diversità di clima e geografia, creando un tesoro di possibilità di vinificazione. Le opzioni sono davvero infinite. Questo è già dimostrato nei profili di sapore che rendono un Sauvignon Blanc di Elim così diverso da uno di Elgin - o uno Shiraz di Paarl così diverso da uno di Stellenbosch.

Preservare questo patrimonio naturale unico è anche nella natura dei produttori di vino sudafricani, molti dei quali hanno coltivato la loro terra per generazioni. Essi desiderano identificare ciò che è unico, raro e speciale nelle loro fattorie, trovare modi per preservare il fynbos e il renosterveld (vegetazione indigena) del regno di Cape Floral, e minimizzare l'ulteriore perdita del loro habitat naturale minacciato, questo ha portato l'industria vinicola sudafricana a sostenere attivamente la conservazione dell'ambiente.
Le linee guida sulla biodiversità sono state inserite nelle linee guida per la produzione integrata di vino (IPW), il manuale di settore per l'agricoltura sostenibile. Un sistema obbligatorio introdotto nel 1998, l'IPW si concentra su ogni fase del processo produttivo, dagli studi sull'impatto ambientale e la corretta preparazione del suolo all'uso di imballaggi riciclabili. Prima di piantare nuovi vigneti, i produttori devono effettuare una verifica botanica e redigere un piano per preservare le specie in via di estinzione o significative. Molti produttori hanno messo da parte aree naturali che rimarranno non sviluppate per sempre. I ricercatori stanno anche esplorando nuove eccitanti opzioni, come l'utilizzo di piante autoctone come colture di copertura per i vigneti.
Sustainable Wine South Africa (SWSA) è l'alleanza tra il Wine and Spirit Board (WSB), lo schema IPW, il WWF-SA Conservation Champion Program e Wines of South Africa (WOSA), insieme queste organizzazioni guidano l'industria vinicola sudafricana nell'impegno per una produzione sostenibile ed eco-compatibile. Il sigillo Wine and Spirit Board garantisce che i vini sono stati prodotti in modo sostenibile secondo il disciplinare e i consumatori sono in grado di verificarlo on-line inserendo il numero posto sulla capsula del tappo.
Il Sudafrica è leader mondiale nell'integrità della produzione!

Dal 1974, il sistema della Wine of Origin garantisce le informazioni sull'etichetta che indicano da dove provengono le uve, l'annata e la varietà . (Www.sawis.co.za)
Il Sudafrica è stato il primo paese al mondo ad introdurre linee guida sulla sostenibilità ambientale, già nel 1998 ed oltre il 95% dei coltivatori e delle cantine aderisce all'iniziativa.
Le cantine sono costantemente controllate per verificare che seguano i regolamenti ambientali e solo quelle che passano l'esame possono utilizzare il marchio di sostenibilità.
I produttori, estremamente attenti alla conservazione, in poco più di un decennio, hanno accantonato quasi 144.000 ettari come terreno per la conservazione e si sono impegnati a ripristinarne la natura originaria. (Www.wwf.org.za)
Il sigillo del Wine and Spirit Board che si trova sulle bottiglie dei vini certifica:

  • L'annata, la varietà e l'origine mostrate sull'etichetta sono corrette.

  • Il vino è stato prodotto in modo sostenibile e nel rispetto della terra.

  • Il vino può essere rintracciato dalla vite alla bottiglia grazie al suo codice.

  • È stato imbottigliato in Sud Africa, quindi è al 100% sudafricano!
    Importante questo ultimo punto, a volte sugli scaffali dei supermercati potreste trovare dei “vini del Sudafrica” senza questo codice, questi vini hanno uve che provengono dal Sudafrica, ma sono state imbottigliate in altri stati.
    La nostra enoteca online seleziona e importa solo i vini produtti in Sudafrica e tutte le bottiglie sono provviste della certificazione Wine of Origin delle diverse zone produttive.

Operazione in corso…