Varietà e Viticultura in Sudafrica

Consigli e curiosità27/10/2018

VARIETA '
In linea con lo spirito di rinnovamento del settore vitivinicolo sudafricano, negli ultimi anni oltre il 40% dei vigneti sono stati reimpiantati in quanto l'industria ha riallineato il proprio prodotto per competere a livello globale, passando dalla produzione di volumi a coltivazioni nobili e vini di qualità. Le vigne sudafricane erano un tempo dominate da vitigni a bacca bianca, ma con il tempo si è reimpiantato sempre più uva a baca rossa portando le uve ad un equa distribuzione.
Le varietà nobili che sono state coltivate sempre più negli ultimi anni includono il Sauvignon Blanc e lo Chardonnay, che producono vini bianchi di alta classe, e Shiraz e Pinot Noir.
Sebbene la maggior parte delle varietà di uve coltivate fossero originariamente importate, fino ad oggi sono stati rilasciati sei incroci locali. Il più noto di questi è una varietà rossa, il Pinotage, un incrocio tra Pinot Noir ed Hermitage (Cinsaut), a cui abbiamo dedicato largo spazio con un articolo dedicato: https://bit.ly/2PZp4pK
La regione di Stellenbosch ha il maggior numero di vigneti con il 16,1%, seguita da Paarl (16,0%), Robertson (13,7%), Swartland (13,6%), Breedekloof (13,7%), Olifants River (10,4%), Worcester (6,9%) , Northern Cape (4,4%), Cape South Coast (2,8%) e Klein Karoo (2,5%).
La regione Breedekloof attualmente produce il maggior numero di vini (17,5%), seguita da Robertson (17,2%), Olifants River (15,4%), Worcester (11,1%), Northern Cape (8,7%), Paarl (9,8%), Stellenbosch (8,2 %), Swartland (8,0%), Klein Karoo (2,9%) e Cape South Coast (1,3%).

VITICOLTURA
L'industria del vino in Sud Africa sta vivendo un entusiasmante periodo di cambiamenti, sia in vigna che in cantina. I viticoltori stanno sperimentando nuove varietà di vite e nuovi cloni di varietà esistenti come Chardonnay e Cabernet Sauvignon. È in corso una sperimentazione su larga scala con portainnesti per stabilire quale base di piantagione è particolarmente adatto alle condizioni del Capo, il tutto coordinato dalla commissione per il miglioramento della vite.
Come in altri paesi del Nuovo Mondo, i viticoltori lavorano duramente per trovare le varietà di vite tra suoli e meso-climi al fine di ottenere i migliori risultati. La vita delle vigne in Sud Africa è simile a quella dell'Europa, anche se l'anno viticolo del Sudafrica inizia a settembre. Mentre si stanno preparando i preparativi per l'annata in Europa, le viti in Sudafrica stanno appena iniziando a nascere.
Una volta che i germogli si sono formati, le viti devono essere mantenute libere da parassiti, malattie e erba e vengono spesso potate se la crescita diventa troppo vigorosa. La fioritura avviene normalmente a novembre e a dicembre le giovani uve iniziano a gonfiarsi e a crescere. In questa fase le viti sono spesso "ricoperte" per migliorare la circolazione dell'aria intorno alle uve e quindi ridurre al minimo il rischio di funghi o muffa.
Gennaio nel Capo annuncia l'inizio dell'estate e, con l'aumento delle temperature, iniziano a maturare le varietà precoci. La maggior parte della raccolta avviene a febbraio e il rapporto zucchero / acidità delle uve viene controllato quotidianamente in modo che ogni varietà venga raccolta a maturazione ottimale.
Nella maggior parte dei vigneti sudafricani la raccolta viene effettuata a mano, sebbene le macchine vengano utilizzate in alcune aziende agricole. Le uve vengono raccolte in cestini e trasportate in cassonetti alla cantina dove inizia la vinificazione.

La nostra enoteca online seleziona i vini dei più importanti produttori delle diverse zone produttive, una selezione meticolosa che ci permette di offrire tutto il meglio dei vini del Sudafrica.

Operazione in corso…